Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Il paese di Scansano : Informazioni

Scansano è un caratteristico borgo della Maremma Toscana, noto a livello internazionale per il suo prodotto tipico per eccellenza, il vino rosso Morellino di Scansano, DOCG.

Il paesino di Scansano sorge sulle colline interne della Maremma, a breve distanza da Grosseto e dalle Terme di Saturnia.

I primi insediamenti nel territorio di scansano risalgono al periodo etrusco-romano, con le aree archeologiche di Ghiaccio Forte e Aia Nova.

Il borgo vero e proprio sorge in epoca medievale, se ne hanno prime notizie nel 918, attorno al villaggio principale sorsero, nel corso degli anni, numerosi castelli, i principali dei quali furono quelli di Montorgiali, del Cotone, di Montepò.

Nel corso del XIV secolo Scansano venne conteso tra le famiglie Aldobadeschi e Tolomei.

Divenne un dominio degli Sforza nel 1418, e rimase sotto il controllo della famiglia fino al 1615, quando Scansano venne venduto alla famiglia dei Medici di Firenze.

A partire dal 1780 Scansano divenne un importante centro del territorio perché protagonista del fenomeno dell’Estatatura, è in questo periodo infatti che, in estate, gli uffici pubblici con sede a Grosseto, venivano trasferiti a Scansano, per sfuggire alla malaria.


Cosa Visitare

Chiesa di San Giovanni Battista

Sicuramente antecedente al 1276, la Chiesa di San Giovanni Battista è uno degli edifici sacri più importanti di Scansano.

L’aspetto attuale della chiesa è dovuto al restauro avvenuto nel corso del XVIII secolo.

L’interno della chiesa è certamente molto interessante, soprattutto in virtù della ricchezza di opere che vi sono custodite, tra cui un dipinto raffigurante il Martirio di San Sebastiano, risalente al XVII e attribuito a Stefano Volpi, una Madonna col Bambino e Sant’Anna, di scuola senese, risalente al 1600.

Rilevanti anche un coro ligneo del XVII secolo e una statua in legno raffigurante la Madonna, risalente al 1400.

Chiesa della Madonna delle Grazie

Edificata al di fuori della cinta Muraria, la Chiesa della Madonna delle Grazie è conosciuta anche come “Chiesa della Madonna della Botte”.

La chiesa venne costruita nel 1600, a partire da un’antica cappella giù esistente, anche se l’aspetto attuale dell’edificio è dovuto alla ristrutturazione avvenuta nel 1862, in seguito alle conseguenze di una violenta alluvione.

La chiesa venne riprogettata in stile neoclassico dall’architetto Luigi Vannuccini e venne inaugurata nel 1867.

All’interno dell’edificio sono custodite alcune opere d’arte di grande rilievo, tra cui una pala seicentesca raffigurante la Madonna delle Grazie, nota anche come la Madonna della Botte o degli Affricelli.

 

Teatro Castagnoli

Teatro comunale di Scansano, il Teatro Castagnoli venne edificato nel 1852 anche se i lavori si protrassero per diversi decenni, tanto che la fine dei lavori avvenne solo nel 1891.

Il teatro prende il nome da quello del suo principale finanziatore, Filippo Castagnoli.

L’interno del teatro è molto elegante, con logge, archi e balconate.

Oggi il teatro ospita eventi e rappresentazioni.

 

Ghiaccio Forte

Uscendo dal borgo di Scansano, dirigendosi verso Manciano, si incontra l’antico abitato di Ghiaccioforte, di origine etrusca.

Sorto nel IV secolo a.C., il villaggio ebbe vita breve, venne infatti distrutto dall’esercito romano nel 280 a.C.

La città presentava una cinta muraria realizzata in ciottoli e mattoni crudi con tre porte rituali che consentivano l’acceso alla città fortificata, l’abitato si ergeva su due colline, su una delle colline sorgeva l’Acropoli, sull’altra il Foro.

Sorgeva nell’abitato di Ghiaccioforte, anche un tempio, tra i cui resti sono state rinvenute statuette raffiguranti guerrieri e animali, oggi esposte al Museo Archeologico di Scansano.

Morellino di Scansano

Scansano si rende celebre in tutto il mondo per il suo straordinario vino, il Morellino di Scansano DOCG.

Il territorio interessato dalla produzione è quella racchiusa tra i fiumi Ombrone e Albegna, nei comuni di Scansano, Grosseto, Magliano in Toscana, Campagnatico, Roccalbegna, Semproniano e Manciano.

Il Morellino di Scansano ha ottenuto il riconoscimento  DOCG nel 2007 ed è ottenuto da uve di sangiovese per l’85% minimo, consentiti in misura non superiore al 15% altri vitigni a bacca nera, toscani.

Caratteristiche organolettiche :

– colore : rosso rubino
– aroma : vinoso
– sapore : asciutto, leggermente tannico